IL LABORATORIO DELL'OLIO

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

alt

Martedì 27 gennaio u.s., nei locali della sede centrale di Curinga, gli alunni delle prime classi della scuola media hanno socializzato l'esperienza, "Il laboratorio dell'olio", condotta nel mese di novembre presso l'azienda agricola di Michelina Maria Panzarella, iniziativa organizzata dalla FIDAPA in collaborazione con la Scuola per portare gli alunni a conoscere il territorio e le sue risorse.

 Partendo da quell'insolita attività laboratoriale, ciascuna prima, guidata dai rispettivi docenti, ha condotto un lavoro di sintesi, approfondimento e ricerca su quanto osservato ed appreso, producendo power point, cartelloni, ricerche che sono stati per l'appunto presentati e illustrati  da un gruppo di alunni, i quali sono stati così chiamati a svolgere un compito inusuale e non facile, ovvero quello di relazionare su quanto appreso, riuscendo a coinvolgere ed interessare il pubblico e fornendo informazioni utili. E così dopo i saluti e i ringraziamenti della Dirigente scolastica, prof.ssa Natalia Majello, e della Presidente della FIDAPA, dott.ssa Caterina Gimigliano, che hanno sottolineato la validità di iniziative del genere, per poi congratularsi, alla fine della manifestazione, con gli alunni per la completezza ed esaustività dei lavori prodotti nonchè per la bravura dimostrata, è stata la volta dei ragazzi, che, presentati da una loro stessa compagna, non hanno lasciato nulla al caso, dando prova del loro impegno e del loro entusiasmo, anche se visibilmente emozionati. Con rigore scientifico, quindi, si è dato spazio alla storia dell'ulivo e al suo valore simbolico, alle varie fasi della  lavorazione e produzione dell'olio, confrontando i metodi tradizionali con quelli moderni, alle qualità organolettiche dell'olio, alle malattie dell'ulivo e dei rimedi necessari per debellarle. A conclusione di tutte le relazioni, è stata la volta del presidente dell'associazione per Curinga, dott. Giampà, che da agronomo ha sintetizzato quanto esposto, sottolineando  la validità dei lavori prodotti. Nelle battute conclusive dell'incontro è stata consegnata ad ogni singolo alunno, a ricordo dell'esperienza condotta,  una bottiglietta d'olio, frutto della molitura delle olive raccolte dai ragazzi stessi, ed è stato ritagliato un angolo per la degustazione.

Si tratta di attività di grande rilevanza formativa, che chiamano i ragazzi a mettersi in gioco e li guidano ad apprendere sperimentando in situazione.

alt alt

alt alt

alt alt

alt alt

altalt