INCONTRO CON L'AUTORE. "LUCERNE/LANTERNE. LA POESIA DIALETTALE DI DOMENICO VONO

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF

alt

Sabato 7 giugno u.s., nel cortile della Scuola Secondaria di Curinga, si è tenuto l'incontro "Lucerne/lanterne. La poesia dialettale di Domenico Vono", curato dal prof. Piero Monteleone. Attraverso il ricordo di Domenico Vono, piccolo imprenditore commerciale e poeta per vocazione familiare, e delle sue poesie in vernacolo, tra cui quelle raccolte in "Lucerne/lanterne" del 1999, si è voluto condurre una riflessione sul dialetto, sulla sua continua evoluzione e sulla necessità, quindi, di salvaguardarlo in quanto patrimonio culturale della comunità per come ribadito dal dirigente scolastico, prof.ssa Natalia Majello. 

L'incontro si pone, infatti, come conclusione di un percorso progettuale portato avanti dal prof. Monteleone nel corso dell'anno scolastico con i ragazzi delle seconde e terze classi della scuola media di Curinga con l'intento di avvicinarli al dialetto, nel senso di invitarli a riflettere su di esso, sulle sue continue trasformazioni, in quanto lingua che muta al mutare delle condizioni economiche e sociali, e sui suoi rapporti con l'italiano. Alcuni alunni hanno introdotto le riflessioni del prof. Monteleone, leggendo strofe di poesie scelte con l'accompagnamento musicale di Nino Diaco, che nel corso della manifestazione ha musicato alcuni brani tratti dall'album Li quattro stagioni. Omaggio alla poesia di Domenico Vono. "Lo scopo dichiarato dell'autore è quello di salvaguardare dall'oblio alcuni voccabuli perduti dell'antico dialetto, nella speranza di meritarsi un piccolo posto nella memoria delle nuove generazioni ... ma Vono raggiunge i risultati migliori quando abbandona ogni intento pedagogico e delinea bozzetti di vita paesana e familiare; allora anche la parola sembra correre più fluida e l'uso del dialetto appare più naturale... queste poesie non sono prive di anima, ma tutto appare dominato da una visione serena, composta ". "Scorrendo le pagine del suo libro, incontreremo tipi e situazioni quasi familiari, perchè li abbiamo incontrati in pagine della letteratura maggiore ...Ma chi conosce Vono, chi conosce la vita dei piccoli paesi di Calabria non fatica a convincersi che non sono le immagini poetiche a ripetersi da un autore ad un altro, è piuttosto la vita stessa, che si presenta sempre uguale, ad imporre quelle immagini". Aggiungo: immagini che vale la pena custodire e mantenere vive nella memoria di ognuno perchè raccontano il nostro passato con un dialetto che è la nostra storia.

alt alt

alt alt

alt alt