SCUOLA IN FESTA

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF

 

E’ stato un giugno davvero allegro e festoso quello trascorso all’Istituto Comprensivo Statale “G. Marconi” di Curinga, grazie agli allievi della Scuola Media che, a conclusione delle attività laboratoriali, si sono esibiti in spettacoli a dir poco … coinvolgenti e divertenti. La riuscita delle performance è stata prova dell’impegno e della tenacia dei ragazzi, che motivati hanno frequentato i vari laboratori, nonché del lavoro profuso dagli insegnanti che con grande passione ma a volte anche con grande fatica hanno svolto, possiamo ora dire con grande successo, i vari progetti.

 E già il saggio eseguito dall’orchestra del Laboratorio musicale “Marconi Ensemble” ha dato prova della bravura e delle abilità maturate dagli allievi, che sono stati poi chiamati ad esibirsi in veri e propri spettacoli. Subito dopo, infatti,  è stato il momento della manifestazione di attività motoria, curata dalla professoressa Rita Scalzo, “A spasso nel Medioevo”, che in due giornate diverse ( una presso il campetto comunale Maggiore Perugino di Curinga, l’altra presso il campetto comunale di Acconia) ha fatto rivivere con sfarzo aspetti e usanze di un ricco periodo storico, proponendo danze, battaglie, tornei, degustazioni, i cui protagonisti sono stati popolani, nobili cavalieri, crociati, streghe, dame e sbandieratori. A concludere  questo fine anno ricco di appuntamenti è stato il laboratorio teatrale, curato dal professore Pasqualino Bongiovanni, con la rappresentazione di due spettacoli. Il primo si è svolto a Curinga, dove i ragazzi hanno curato la messa in scena di “Cani e gatti”, una commedia di Eduardo Scarpetta, in una versione in italiano con alcuni interventi in dialetto calabrese, imperniata sul tema della gelosia trattata come vera e propria ossessione. Il secondo spettacolo, invece, si è svolto ad Acconia dove è andata in scena “L’operaio inoperoso”, una commedia in dialetto calabrese realizzata proprio nel corso del laboratorio; commedia che ha messo in scena la vicenda di una famiglia calabrese che, negli anni Settanta, è costretta a fare i conti con le speranze e le aspettative di un improbabile sogno industriale annunciato da più parti come imminente. Entrambi gli spettacoli hanno offerto scene esilaranti e momenti di grande comicità che hanno coinvolto e trascinato il nutrito pubblico presente; i nostri ragazzi hanno dato grande prova di sé, regalando momenti veramente divertenti. E sicuramente un ringraziamento particolare va al Dirigente Scolastico, professoressa Natalia Majello, che promuove e sostiene ogni attività che contribuisce alla formazione e alla crescita culturale e personale di ogni alunno.

 

 

Только после того, как белое платье исчезло в саду и послышался тихий разговор, долетавший из-за деревьев, он пришел в себя и решил, что надо действовать.

Я и сейчас сказала бы вам, но тут.

Все-таки я согласился увеличить ставку до десяти долларов, и мы продолжали игру.

Я охотился на болоте и увидел следы.

На некоторое время он стал вообще необычайно деятельным, неусидчивым и попытался даже выскочить из пролетки, ругая всех прохожих хулиганами.

Это был хилый, исхудавший грустный солдат.